Assicurazioni: La Classe di Merito

La classe di merito è un punteggio compreso tra 1 e 18 assegnato agli assicurati da parte delle Compagnie assicuratrici. È un sistema tariffario utilizzato nelle polizze di assicurazione RC Auto per calcolare il premo a carico dell’assicurato sulla base del meccanismo del Bonus-Malus.

La classe di merito d’ingresso per chi si assicura per la prima volta è la 14 esima classe. Se dopo un anno l’assicurato non provoca incidenti beneficia di un “bonus” sul premio assicurativo, ossia di un prezzo inferiore della polizza da pagare ogni anno. Viceversa, se si causa un incidente, si sale nella scala delle classi di merito subendo un ‘malus’ sul premio assicurativo, ossia di un prezzo superiore della polizza.

Talvolta le Compagnie assicuratrici prevedono anche ulteriori classi di merito intermedie in ‘bonus’ e in ‘malus’. A parità di condizioni la prima classe di merito determina il premio più basso per una polizza auto. Le tariffe variano a seconda delle Compagnie assicuratrici. Il punteggio viene calcolato sulla base dei sinistri causati in passato dall’assicurato.

Le classi di merito RC Auto sono comprese tra 1 e 18. In genere chi si assicura per la prima volta viene assegnato alla classe di merito 14 ( quattordicesima classe ). Col passare degli anni, se l’assicurato non ha causato sinistri, scende progressivamente di classe ( bonus ). Viceversa, se ha causato degli incendenti stradali, sale la sua classe di merito ( malus ).

Quanto più è bassa la classe di merito tanto minore è il premio assicurativo da pagare a parità di altre condizioni. La prima classe di merito è quella meno onerosa per l’assicurato. Per questa ragione, spesso, per sinistri di modico importo gli assicurati in prima classe hanno la convenienza economica a provvedere al rimborso diretto della somma del danno all’altra parte, senza passare per le assicurazioni, al fine di non subire penalizzazioni alla classe di merito.

La classe di merito può essere trasferita da una compagnia assicurativa all’altra, quindi se l’assicurato decide di cambiare compagnia assicurativa può farlo mantenendo la classe di merito raggiunta. La classe di merito, inoltre, può essere trasferita su un altro veicolo di proprietà ( es. nuova automobile ) in applicazione del Decreto Bersani Bis.

Quali sono le classi di merito
Le classi di merito sono livelli di rischio associati alla condotta dell’assicurato sulla base della sua condotta di guida e, in particolar modo, del numero di incidenti stradali provocati. La classe di merito dell’assicurato è uno dei fattori determinanti del premio che l’assicurato deve pagare sulla sua polizza RC Auto. L’assegnazione della classe di merito di una polizza di assicurazione varia nel tempo in base al criterio del bonus-malus. Se l’assicurato non causa incidenti, la sua classe di merito scende verso il basso ed anche il premio da pagare ogni anno si riduce ( bonus ). Viceversa, se l’assicurato provoca uno o più incidenti, la sua classe di merito sale verso l’alto ed aumenta anche il premio annuale da pagare sulla polizza ( malus ). In genere le classi di merito sono diciotto:

Classe di merito 1: la prima classe è la classe di merito più economica, vi arrivano gli assicurati che non provocano incidenti per molti anni. Il premio assicurativo della polizza RC Auto è più basso da pagare a parità di altre condizioni.
Classe di merito 2
Classe di merito 3
Classe di merito 4
Classe di merito 5
Classe di merito 6
Classe di merito 7
Classe di merito 8
Classe di merito 9
Classe di merito 10
Classe di merito 11
Classe di merito 12
Classe di merito 13
Classe di merito 14: la quattordicesima classe è la classe di merito di ingresso per i neoassicurati.
Classe di merito 15
Classe di merito 16
Classe di merito 17
Classe di merito 18: La diciottesima classe è la classe di merito più alta e quella che comporta il premio assicurativo più alto da pagare a parità di altre condizioni.
La classe di merito viene aggiornata ogni anno dalla compagnia assicurativa ed è indicata nell’attestato di rischio, un documento che la compagnia assicurativa deve obbligatoriamente consegnare all’assicurato prima della scadenza della polizza, in caso di disdetta e, in ogni caso, quando il contraente assicurato ne faccia richiesta.

Attestato di rischio
La classe di merito di una polizza di assicurazione auto (es. Rc Auto) è contenuta nell’attestato di rischio. In caso di mancato utilizzo dell’auto, il contratto di Assicurazione RC Auto può essere sospeso. L’ultimo attestato di rischio conseguito conserva validità per cinque anni (art. 5, legge 40 del 2007.). In questo modo l’assicurato può conservare nel tempo la propria classe di merito pur non utilizzando più il veicolo (es. rottamazione, perdita d’uso dell’auto aziendale). Prima del decreto Bersani la classe di merito poteva essere mantenuta soltanto per 12-18 mesi.

Variazioni della classe di merito
Con l’entrata in vigore del decreto Bersani (3 aprile 2007) le Compagnie assicuratrici hanno l’obbligo di accertare l’effettiva responsabilità del proprio assicurato, in caso di incidente, prima di applicare una variazione alla classe di merito. Quando non sussista la responsabilità principali o nei casi di liquidazione a titolo provvisorio, la responsabilità è divisa ‘pro quota’ tra i conducenti coinvolti nel sinistro ai fini dell’eventuale variazione di classe di merito. In ogni caso, le variazioni peggiorative della classe di merito devono essere obbligatoriamente comunicate con tempestività all’assicurato (art. 5, legge 40 del 2007).

#yoursocialnoiseAssicurazioni: La Classe di Merito